La fabbrica del gioiello.
     
  Via Pellizzari 29, Valenza (AL) - Telefono +39 0131.928330 Cell.: +39 333 9492192 (anche Viber e WhatsApp)   email: info@lafabbricadelgioiello.com   P. iva 01433210067

 

Iscriviti alla newsletter
Email
Riceverai in tempo
reale le nostre offerte, promozioni, curiosità e novità.


Il nostro punto vendita osserva i seguenti orari:

Dal lunedi al venerdi:
dalle 08:00 alle 18:00

Sabato:
dalle 09:00 alle 17:00



diamantino Home
diamantino Catalogo
      vendita gioielli

diamantino Catalogo Diamanti
      certificati

diamantino Diamanti certific.
      IGI GIA HRD

diamantino Rubini, Smeraldi
     e Zaffiri

diamantino Perle
diamantino Hai un'idea?
diamantino I nostri video
diamantino La nostra storia
diamantino Dicono di noi
diamantino Istruzioni
diamantino F.A.Q.
diamantino Link utili
diamantino Contatti
diamantino Gemmologia
diamantino Mappa del sito
diamantino Glossario

9.12.2009 - Il Diamante Hope, la leggenda color blu


La leggenda del Diamante Hope inizia con Tavernier stesso che ruba ad una statua rappresentante il Dio Rama-Sita un bellissimo Diamante blu incastonato nel suo occhio. Furioso, il Dio maledice la pietra e la sua prima vittima è lo stesso Tavernier che muore poco dopo aver venduto il Diamante a Re Luigi XIV e muore male, in povertà e in tragiche circostanze. Il Re indossa la corona adornata della pietra blu solo una volta e poi morirà di varicella.Poco tempo dopo il Diamante viene rubato e ricompare solo nel 1830 a Londra. La pietra viene dunque comprata dal banchiere Henry Thomas Hope per una cifra enorme. Il contratto di vendita specificava che il compratore avrebbe avuto il diritto di rinominare la gemma a piacere. La chiamò come una figlia, la chiamò con il suo nome: Hope. Il maligno, micidiale influsso della pietra questa volta non si risparmia e l'intera famiglia Hope ne è la vittima. A questo punto vi chiedo: vogliamo crederci? Perchè la tragedia non ha fine e il Diamante finisce in mano ad un Principe dell'Europa dell'est che lo regala alla sua ballerina preferita ma, poche ore dopo averla regalata, ha un raptus di gelosia e spara alla ballerina, uccidendola. La scia di sangue continua con un commerciante greco che lo acquista e subito dopo la rivende. Il commerciante, poco dopo, ha un incidente d'auto nel quale si uccide e uccide anche moglie e figli. Il proprietario successivo, il Sultano turco Abdul-Amid II viene deposto da un golpe militare pochi mesi dopo aver acquistato la pietra. Il magnate americano Edward McLean acquista il diamante nel 1911 e un anno dopo è con lui sul Titanic. La figlia di McLean muore qualche tempo dopo per overdose di sonniferi. L'ultimo acquirente, il gioielliere Harry Winston, molto prudentemente la mette a disposizione di tutti e la espone alllo Smithstonian Institute di Washington. La pietra è ancora lì. Tanto per la cronaca dobbiamo precisare che il Diamante Hope è una pietra commercialmente difficile da trattare per l'enorme valutazione. Si tratta infatti di un Diamante colorato, si definiscono Fancy Diamonds, di un colore bellssimo, uno stupendo blu-Zaffiro. Se non bastasse questo si tratta, anche, di un Diamante enorme: 45,52 ct. Ovviamente questa potrebbe essere una storia un pò, diciamo, pompata. Ma il Diamante Hope, come tutte le tantissime pietre che hanno una leggenda personale, esercita su di noi amanti del Diamante un fascino irresistibile. Prossimamente ancora un pò di scienza: esamineremo le condizioni di formazione del diamante.

La Fabbrica del Gioiello ©2006-2015 - all rights reserved
poste Consigliato da Top Negozi analisigemme paypal paypal ilpiubasso