La fabbrica del gioiello.
     
  Via Pellizzari 29, Valenza (AL) - Telefono +39 0131.928330 Cell.: +39 333 9492192 (anche Viber e WhatsApp)   email: info@lafabbricadelgioiello.com   P. iva 01433210067

 

Iscriviti alla newsletter
Email
Riceverai in tempo
reale le nostre offerte, promozioni, curiosità e novità.


Il nostro punto vendita osserva i seguenti orari:

Dal lunedi al venerdi:
dalle 08:00 alle 18:00

Sabato:
dalle 09:00 alle 17:00



diamantino Home
diamantino Catalogo
      vendita gioielli

diamantino Catalogo Diamanti
      certificati

diamantino Diamanti certific.
      IGI GIA HRD

diamantino Rubini, Smeraldi
     e Zaffiri

diamantino Perle
diamantino Hai un'idea?
diamantino I nostri video
diamantino La nostra storia
diamantino Dicono di noi
diamantino Istruzioni
diamantino F.A.Q.
diamantino Link utili
diamantino Contatti
diamantino Gemmologia
diamantino Mappa del sito
diamantino Glossario

9.02.2012 - Zaffiro


Lo zaffiro è una varietà di corindone, che chimicamente è ossido di alluminio (Al2O3) fortemente allocromatico ed è l'unica sostanza naturale di durezza 9 nella Scala di Mohs. Il termine zaffiro (privo di altri aggettivi) identifica la varietà blu-azzurra del corindone, ma la stessa denominazione viene frequentemente utilizzata, unitamente ad un aggettivo, per identificare qualunque sua colorazione diversa da quella rossa (la varietà rubino). Una volta i corindoni colorati prendevano il nome di altre pietre, seguito dal suffisso "orientale" (ad esempio i termini ametista orientale e smeraldo orientale sono oggi identificati con i nomi di zaffiro viola e zaffiro verde. Altre varietà sono quella arancione, chiamata padparadscha, la più preziosa varietà di corindone, l'armofane di colore grigio opaco e lo zaffiro incolore conosciuto come leucozaffiro. Il colore blu-azzurro tipico della gemma deriva da inclusioni di ematite e rutilo. Nel caso in cui le inclusioni si orientassero in modi particolari, si può presentare il fenomeno dell'asterismo. Si può trovare in natura in rocce metamorfiche derivanti da rifusione di un micascisto, di una quarzite o di un calcare, in magmi poveri di silice e nei loro rispettivi depositi alluvionali. Questi ultimi sono i principali giacimenti oggi sfruttati. Si ricorda a proposito i giacimenti australiani, dello Sri Lanka, della Birmania e della Thailandia. In Italia si trovano piccoli cristalli di zaffiro nella calcite del Terminillo. Lo zaffiro può essere prodotto sinteticamente con 5 tipi di sintesi. Per distinguere lo zaffiro naturale da quello sintetico, si effettua un esame al microscopio delle inclusioni interne e ad analisi spettrometriche e spettrofotometriche. Il taglio più diffuso per tale gemma è quello faccettato ovale o rotondo, ma non sono escluse altre tipologie, come quella a cuore o a baguette. Tra le gemme di dimensione eccezionale conosciute, va citato lo "Star of India", di 563 carati, conservato presso il Museo di Storia Naturale di New York. (Da Wikipedia)

La Fabbrica del Gioiello ©2006-2015 - all rights reserved
poste Consigliato da Top Negozi analisigemme paypal paypal ilpiubasso